Becciu, ‘Marogna resti in cella’. Pronta richiesta di estradizione

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

 La quinta Corte di Appello di Milano ha convalidato l’arresto e disposto il carcere per Cecilia Marogna, la manager coinvolta nell’indagine vaticana sull’ex numero 2 della Segreteria di Stato, il cardinale Angelo Becciu, dopo che l’altro ieri la Gdf ha eseguito, tramite Interpol, la misura cautelare firmata dall’autorità giudiziaria della Città del Vaticano. La convalida è stata decisa dopo aver rilevato la “gravità dei fatti” e “il pericolo di fuga”, in quanto la donna si sarebbe “appropriata di fondi della Santa Sede a lei assegnati per fini istituzionali”. Domani mattina si aprirà sempre a Milano il procedimento relativo all’estradizione.

La procura generale di Milano è pronta a chiedere l’estradizione di Cecilia Marogna, la manager coinvolta nell’indagine vaticana sull’ex numero 2 della Segreteria di Stato, il cardinale Angelo Becciu arrestata l’altro ieri su mandato dell’autorità giudiziaria della Città del Vaticano. Da quanto si è appreso, il sostituto pg Giulio Benedetti è favorevole all’estradizione della donna che è accusata dalla magistratura del Vaticano di appropriazioni indebita aggravata. La sua condotta, in astratto, per la legge italiana porterebbe a configurare anche il reato di autoriciclaggio.
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte