Azzurri: Emerson “questa Nazionale come una famiglia”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

(ANSA) – FIRENZE, 13 NOV – “Kroos ha detto che si gioca
troppo e noi calciatori siamo burattini? Vero che non siamo
delle macchine e può succedere ogni tanto di sentirsi stanchi ma
giocare a calcio è il nostro lavoro e una passione, per me non è
un problema farlo ogni tre giorni, figurarsi qui in Nazionale
che è come una famiglia, in cui ci sentiamo fratelli e parliamo
di tutto, non solo di pallone”. Così Emerson Palmieri in ritiro
con gli azzurri a Coverciano.
    “Sappiamo che non è un momento facile ma noi per primi dobbiamo
dare il buon esempio – ha aggiunto l’esterno italo-brasiliano in
forza al Chelsea – Purtroppo tra infortuni e virus, manca ancora
pure il nostro ct, non è semplice preparare una gara importante
come quella con la Polonia ma quando si parla della Nazionale
dobbiamo dare tutto e fare tutti del nostro meglio per
riportarla al top come merita”. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte