>ANSA-IL-PUNTO/COVID: agende over 40, alta adesione

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

(ANSA) – TRIESTE, 17 MAG – Alle 10 di oggi, primo giorno per
la prenotazione delle vaccinazioni anticovid per gli over 40, “erano già 14.343” le adesioni alla campagna in Fvg; 8.210 alle
ore 9. Lo rende noto il vicegovernatore del Fvg Riccardo
Riccardi. Delle 14.343 persone tra 40 e 49 anni che nelle prime
ore del mattino hanno chiesto un appuntamento, 3.866 risiedono
nel territorio afferente l’azienda sanitaria Friuli Occidentale,
5.897 nell’area dell’azienda sanitaria universitaria Friuli
Centrale e 4.580 nell’area dell’Azienda sanitaria universitaria
Giuliano Isontina. Alle 10, le adesioni quotidiane totali alla
campagna vaccinale in Fvg (comprese fascia 40-49 anni) erano
15.984, la maggior parte delle quali avvenute rivolgendosi alle
farmacie (9.291).
    Positiva la risposta ai vaccini anche per la due-giorni di
Villa Manin, dove nel fine settimana sono stati complessivamente
2,229 i vaccini inoculati. Nel 97 per cento dei casi è stata
somministrata la monodose della Johnson&Johnson (2.158 unità),
mentre per la parte rimanente (71 dosi) è stato usato il farmaco
Pfizier. Nelle due giornate, gli uomini vaccinati sono stati
1.109; le donne 1.120.
    Una buona notizia sul fronte della situazione sanitaria in
regione: nessun decesso per il secondo giorno consecutivo. Su un
totale di 1.577 test sono state riscontrate 16 positività al
Covid 19, pari all’1,01%. Nel dettaglio, dall’analisi di 1.216
tamponi molecolari sono stati rilevati 15 nuovi contagi con una
percentuale di positività dell’1,23%; da 361 test rapidi
antigenici un caso (0,28%). I ricoveri nelle terapie intensive
scendono a 15 (-1) mentre restano 72 quelli in altri reparti.
    Infine, Shaurli (Pd), chiede alla Regione garanzie per gli
studenti Erasmus: “I nostri studenti universitari che saranno
impegnati a partire dal prossimo autunno nel programma Erasmus
necessitano di garanzie per ricevere il vaccino in tempo utile
per potersi recare all’estero e svolgere un programma di studi
europeo programmato da tempo”. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte