Algeria: morto di Covid eroe di guerra e leader opposizione

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

(ANSA) – ALGERI, 05 NOV – E’ morto dopo due settimane di
inutile battaglia contro il coronavirus Lakhdar Bouregaa, eroe
della guerra d’indipendenza dell’Algeria dalla Francia e negli
ultimi anni icona della protesta anti governativa con il
movimento Hirak, per il quale aveva anche scontato sei mesi di
prigione nell’ultima metà del 2019. Centinaia di persone sono
scese in piazza per rendergli omaggio, nonostante le restrizioni
anti Covid.
    “Lakhdar Bouregaa è ora sotto la protezione di Dio”, ha
scritto suo figlio Hani Bouregaa su Facebook, due settimane dopo
che la famiglia del veterano ne aveva annunciato il contagio. E’ stato sepolto nel cimitero di Sidi Yahia sulle colline sopra
Algeri. Centinaia di persone in lutto sono scese in strada
nonostante le stringenti norme contro i raduni. Alcuni gridavano
lo slogan del movimento di protesta Hirak “Stato civile, non
militare!” e “continueremo la lotta!”. Omaggi si sono anche
rincorsi sulle reti sociali: “Lo ricorderemo per la sua
determinazione a continuare ad andare avanti, a passare il
testimone ai giovani”, ha scritto un seguace su Twitter.
    Le proteste guidate dal movimento Hirak hanno invaso le
strade delle città algerine all’inizio del 2019, determinando
l’uscita di scena di Abdelaziz Bouteflika. La battaglia per la
democrazia però non si è compiuta: molti giornalisti e blogger
restano dietro le sbarre e le manifestazioni sono cessate solo
per via della pandemia. La televisione di Stato aveva
inizialmente annunciato che Bouregaa sarebbe stato sepolto nel
cimitero di El Alia nella capitale Algeri, dove giacciono gli
ex capi di Stato e altri eroi della guerra di indipendenza dal
1954 al 1962, ma così non è stato. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte